Disturbo Depressivo Persistente o Depressione Cronica

5 Condivisioni

Disturbo Depressivo Persistente o Depressione Cronica

 

Il DSM è il manuale di riferimento mondiale, per tutti i medici che lavorano come clinici o ricercatori in psichiatria. Nella sua nuova versione, recentemente aggiornata, il DSM-5, compare questa nuova categoria diagnostica che comprende due situazioni cliniche: la Distimia e la Depressione Maggiore di tipo cronico.

Questa ulteriore revisione e approfondimento indica che gli studi sulle cause, sulla frequenza e sulle terapie efficaci in questo particolare tipo di disturbo depressivo, continuano ad essere ferventi.

La diagnosi di Distimia si basa su un elemento molto chiaro: la presenza di umore depresso per una durata di almeno 2 anni (con brevi remissioni).

Al vissuto depressivo si possono associare sintomi come scarsa energia fisica e psichica, anedonia, bassa autostima, sensazione di inadeguatezza e sensi di colpa immotivati, alterazioni del sonno o dell’appetito e un senso generale di angoscia non facilmente spiegabile con motivazioni esistenziali esterne.

In generale la persona affetta da Distimia vive con grande fatica, spesso lamentandosi, con una sensazione di prostrazione ed inerzia ad affrontare gli impegni quotidiani e a volte anche il tempo libero e lo svago.

Questo insieme di sintomi influenza in modo marcato l’esistenza di questi pazienti, i quali sperimentano una sofferenza soggettiva che li appesantisce ed influisce negativamente sul loro funzionamento lavorativo e sulle loro relazioni sociali ed affettive.

In queste forme, quindi, l’alterazione del tono dell’umore ha la caratteristica di essere prolungata nel tempo ma quantitativamente meno grave ed intensa rispetto alla Depressione Maggiore Ricorrente.

 

Diagnosi

 

Il Disturbo Distimico è spesso sottostimato, non viene adeguatamente riconosciuto e considerato degno di approfondimenti diagnostici e terapeutici.

La corretta diagnosi di questo disturbo è, invece, assolutamente determinante per poter curare i pazienti nel migliore modo possibile.

L’errore più comune, commesso dai pazienti stessi, dai famigliari e, purtroppo a volte anche dalla classe medica, è di considerare l’umore e i comportamenti di questi pazienti come la manifestazione di uno “modo di essere”, una qualità della personalità e del carattere di quel soggetto che lo porta ad avere pensieri ed atteggiamenti negativi o pessimistici.

Così facendo, purtroppo, molti di questi pazienti non giungono mai alla osservazione dello specialista psichiatra che ha sicuramente la possibilità di suggerire strategie di cura efficaci per migliorare la qualità della vita di questi pazienti e di chi vive nel loro contesto relazionale.

Inoltre, i soggetti affetti da Distimia, se non adeguatamente curati, hanno maggiori probabilità di sviluppare una Depressione Maggiore.

La Distimia è più frequente nel sesso femminile e si calcola che circa il 6% delle donne abbia sperimentato nella propria esistenza una situazione compatibile con questa diagnosi.

Può essere in comorbidità con altri disturbi psichiatrici ad esempio Disturbi d’Ansia, Attacchi di Panico, Fobia Sociale e Disturbi Alimentari.

 

Cause

 

Questa patologia ha cause complesse e una genesi multifattoriale, possiamo dire che origina da fattori biologici (genetici) che si integrano e interagiscono nel corso dell’esistenza con fattori psicologici e sociali (epigenetici).

Proprio per questo motivo la cura del Disturbo Distimico deve essere integrata e comprendere interventi di tipo psicoterapeutico e interventi di tipo farmacologico.

Può essere considerata come una disregolazione cronica di meccanismi neuro-ormonali, ben spiegabile alla luce delle nuove acquisizioni in Medicina di Regolazione che la considera come una alterazione dell’asse PNEI (Psico-neuro-immuno- endocrinologia), verosimilmente anche associata ad una Low Grade Inflammation e ad un aumento cronico della produzione di ormoni dello stress.

Per questo motivo nella terapia devono essere presi in considerazione anche fattori che possano agire a questo livello, come ad esempio una modifica dello stile di vita (cibo, alimentazione movimento fisico, relazioni interpersonali) che non dovrebbe mai mancare nelle prescrizioni e nei consigli che il medico psichiatra deve fornire al paziente.

 

Trattamento

 

Solo un trattamento integrato e ben formulato può portare al miglioramento della sintomatologia che affligge il paziente: psicoterapia, farmaci adeguati e ben dosati e una modifica dello stile di vita porteranno sicuramente ad un beneficio duraturo.

I farmaci efficaci in questo disturbo sono gli antidepressivi Serotoninergici, che influenzano positivamente sia i sintomi depressivi che l’ansia presente in alcuni soggetti. A questi possono essere associati, nelle prime settimane di terapia farmaci ansiolitici, se il quadro clinico lo richiede.

Gli antidepressivi agiscono modulando e aumentando il livello di Serotonina, il neurotrasmettitore principalmente implicato nella regolazione del tono dell’umore e dei vissuti di tristezza e ansia.

Tutti gli studi indicano che associare terapia farmacologica e psicoterapia rende il trattamento di questa patologia più efficace rispetto all’utilizzo di un unico intervento.

La psicoterapia nella Distimia deve aiutare il paziente a rivalutare in modo più obiettivo le proprie convinzioni e le certezze, spesso distorte, che riguardano sé stesso e la propria esistenza, sostenendolo e facilitando l’accesso alle proprie risorse e alle proprie capacità, misconosciute dal paziente stesso.

Allo stesso modo deve mirare alla correzione di comportamenti di eccessivo evitamento, accompagnando e motivando il paziente ad intraprendere esperienze che fino ad ora si è negato per timore del fallimento.

 

 

La dott.ssa Cristina SelviPsichiatra a MilanoPsicoterapeuta e Omotossicologa, si occupa di Psichiatria, Psicoterapia e Medicina Omotossicologica per la terapia dell’ansia. Ha fondato lo Studio Psichiatria Integrata al fine di promuovere un approccio integrato  fra varie discipline e metodi, che fornisca alla persona una risposta il più adeguata, più personalizzata e più corretta possibile in un momento di difficoltà della propria vita.

Cristina

Author

view all posts

Lascia un commento

Call Now Button