Ormoni e Umore

Come medico-psichiatra mi capita spesso di visitare donne con diagnosi di Sindrome Premestruale.

Questa patologia è stata inserita anche nei testi di riferimento della psichiatria poiché, in alcuni casi, i sintomi fisici e mentali sono così marcati e gravi da determinare un quadro clinico che disturba in modo rilevante  la qualità di vita.

E’ anche frequente osservare l’associazione, nella stessa paziente, di un Disturbo d’Ansia o di una Depressione con i sintomi che caratterizzano la Sindrome Premestruale.

In base al tipo di disagio riferito dalle pazienti, il medico deve sapere discriminare le situazioni che non rappresentano una condizione patologica rispetto a quelle che invece si caratterizzano per gravità e che quindi richiedono un intervento terapeutico.

Vi sono diversi approcci, ugualmente validi, per attenuare i sintomi della Sindrome Premestruale. La scelta dell’intervento più utile ed efficace per la singola paziente, andrebbe valutato avendo presente la sua storia clinica, la sua storia personale, l’entità e la gravità dei sintomi, la concomitanza con altre condizioni cliniche, ad esempio una storia di ansia o di depressione nella paziente o nella famiglia di origine e considerando anche l’inclinazione ad assumere una terapia farmacologica tradizionale piuttosto che intervenire con rimedi più naturali.

Il medico deve comunque sempre motivare la paziente ad accettare la terapia per lei più adatta, instaurando un clima di alleanza terapeutica all’interno del quale la donna si possa fidare e affidare.

La cura può basarsi sull’utilizzo di una terapia convenzionale, prescritta dal medico ginecologo e a volte dallo psichiatra, o sull’impostazione di un Protocollo Omotossicologico o ricorrendo ad altri approcci di tipo Non Convenzionale.

Si parla di protocollo in quanto in Medicina Omotossicologica, a differenza dell’approccio Omeopatico unicista, è spesso necessario prescrivere al paziente  più di un farmaco o prodotto, che agiscano sinergicamente riequilibrando un’omeostasi che si è perduta e potenziando le capacità intrinseche dell’organismo di trovare un migliore adattamento.

In questa patologia sarebbe anche auspicabile una collaborazione e un confronto, tra il medico ginecologo e lo psichiatra, questo soprattutto quando i sintomi psichici sono molto intensi e invalidanti per la paziente e causano una ripercussione sulla sua vita lavorativa o sociale.

Ci occupiamo, in questo breve articolo, dei sintomi psichici e cioè: irritabilità e impulsività, tensione psico-fisica, irrequietezza e instabilità emotiva, umore cupo e triste, crisi di pianto immotivate o scatenate da motivi non gravi, difficoltà di concentrazione e, in alcune donne, mal di testa, disturbi del sonno e desiderio di carboidrati.

E’ oramai accertata una correlazione tra la produzione ormonale e la produzione di neurotrasmettitori, cioè di quelle sostanza che regolano funzioni cerebrali come il tono dell’umore, il sonno, l’appetito, l’impulsività, il desiderio sessuale.

Nelle donne affette da Sindrome Premestruale è presente una disregolazione delle vie che utilizzano Serotonina.

D’altronde anche in altre situazioni caratterizzate da importanti modifiche dell’assetto ormonale della donna, vi possono essere talvolta sintomi a livello psichico, come nel post-partum o nel periodo del climaterio e della menopausa.

La psichiatria convenzionale può aiutare le donne che soffrono di una Sindrome Premestruale, se particolarmente invalidante, attraverso la prescrizione di farmaci che regalano il tono dei neurotrasmettitori come i serotoninergici e le benzodiazepine.

Questo tipo d’intervento terapeutico va però riservato a quelle donne che presentano sintomi particolarmente gravi che influenzano in modo significativo, ogni mese, la loro vita socio-lavorativa, o alle donne che, anche indipendentemente dalla fase del ciclo, presentano problemi di ansia o depressione.

Soprattutto, queste terapie devono riguardare le donne che non hanno avuto beneficio da un approccio al problema caratterizzato da una radicale ri-valutazione del loro stile di vita, alimentazione, movimento e capacità di gestione dello stress.

In Medicina Omotossicologica i sintomi psichici della PMS possono essere attenuati e modulati con il ricorso a farmaci complessi che agiscono sulla regolazione del tono dell’umore, sulla tensione psichica e sull’ansia.

Anche in questo caso, come in precedenza segnalato, è indispensabile che la paziente condivida con il medico informazioni sul suo stile di vita e sia disposta a modificarlo per favorire il riequilibrio necessario e non contrastare l’azione dei rimedi prescritti.

Da un punto di vista Omotossicologico la Sindrome Premestruale può essere collocata nella cosiddetta Fase di Reazione, in cui i sintomi mentali sono l’espressione di una situazione di infiammazione eccessiva che determina una reazione sproporzionata a stimoli non particolarmente intensi.

Va potenziato in queste pazienti il drenaggio del tessuto connettivo attraverso l’attivazione degli organi emuntori, rene e fegato. E’ inoltre necessario favorire il riequilibrio neuro-endocrino e bilanciare lo stato di equilibrio acido-base.

La corretta associazione dei diversi farmaci disponibili andrà valutata, di caso in caso, secondo la predominanza dei sintomi nel quadro clinico e anche secondo lo stato generale d’intossicazione e d’infiammazione nel quale si trova la paziente.

Agendo su questi tre parametri attraverso i farmaci, con una corretta alimentazione e idratazione e movimento, si ottiene spesso un evidente miglioramento dei sintomi.

La dott.ssa Cristina Selvi si occupa di Psichiatria, Psicoterapia, Omotossicologia, Ormoni e Umore e Sindrome Premestruale a Milano presso lo Studio Psichiatria Integrata in piazza Gorini 6.

dott.ssa Cristina Selvi
La dott.ssa Cristina Selvi, Medico ChirurgoPsichiatra e Psicoterapeuta,  si occupa di Psichiatria, Psicoterapia e Medicina Omotossicologica a Milano, presso il suo Studio Psichiatria Integrata, in Piazzale Gorini 6. E' autrice di un Blog di Informazione Medica e di un Ebook sugli argomenti Psichiatria, Psicoterapia e Medicina Omotossicologica e promotrice di un modello d’intervento integrato fra queste discipline che valorizzi una conoscenza globale della persona. | Google | Contatti |
dott.ssa Cristina Selvi
dott.ssa Cristina Selvi
dott.ssa Cristina Selvi

Latest posts by dott.ssa Cristina Selvi (see all)

dott.ssa Cristina Selvi

Gli articoli dello Studio Psichiatria Integrata sono un'opera della dott.ssa Cristina Selvi e sono distribuiti con una licenza Creative Commons. Gli articoli sono da intendersi come puramente informativi e con il seguente disclaimer. Tutti i diritti sono riservati all'autrice. 1) Testi liberamente ripubblicabili se immodificati nella loro interezza, a scopo non commerciale, se viene incluso questo box di copyright e previa richiesta all'autore da questa pagina. 2) Immagini non ripubblicabili. Ulteriori permessi possono essere richiesti all'autrice da qui.