Separazione dei genitori: che sofferenza per i figli!

Studi sociologici e demografici affermano che la separazione matrimoniale sia un fenomeno esploso a partire dagli anni Sessanta con una differente incidenza nei diversi paesi: in quest’ultimo decennio, negli Stati Uniti, in Inghilterra e nei paesi scandinavi il tasso dei divorzi si aggira tra il 40-50% sul totale dei matrimoni. In Italia, la legislazione ha introdotto il divorzio solo negli anni Settanta. Tra i paesi industrializzati, l’Italia ed il Giappone presentano il tasso percentuale di divorzio minore rispetto agli altri paesi appartenenti alla stessa fascia socioeconomica. Tali valori demografici vanno bene interpretati poiché la statistica non tiene conto del fatto che in Italia, unico tra i paesi industrializzati ad imporre lo scioglimento dello stato matrimoniale in due stadi, la metà dei coniugi separati non sceglie il divorzio.

Perché la coppia sceglie la separazione? Nella maggior parte dei casi di coniugi con figli, la motivazione risiede nella necessità di conseguire una qualità della vita migliore per se stessi e per i figli ed è ciò che effettivamente accade. Ciò non esula, però, dal fatto che tale evento familiare trascini con sé diversi vissuti emotivi nella psicologia dei figli. A determinare il tipo di reazione psicologica dei bambini e dei ragazzi di genitori separati concorrono tre specifici fattori: la gravità del conflitto tra i genitori, il contesto socioeconomico e culturale della famiglia, la qualità del ruolo educativo di almeno uno dei genitori.

Nell’analizzare gli effetti della separazione sui figli, bisogna rifarsi alla letteratura anglosassone che ha prodotto un grandissima quantità di studi clinici. La maggior parte dei dati forniti dalla ricerche empiriche, concorda nel riconoscere che la fine del matrimonio causi sicuramente conseguenze psichiche e comportamentali spiacevoli nei figli a qualsiasi età essi subiscano l’evento.

Quando la separazione avviene durante la gravidanza o nei primi mesi di vita del neonato, egli potrebbe risentire dello stato emotivo materno e manifestarlo con un rallentamento nello sviluppo fisico e cognitivo.

Per bambini tra gli 1 e i 3 anni, potrebbero emergere tratti di insicurezza ed eccessivi timori, una maggiore richiesta di attenzione attraverso atteggiamenti regressivi, disturbi del sonno, ansia, nervosismo. Tali disagi sono determinati anche da cambiamenti nella routine, nelle figure di accudimento (es. presenza di una baby sitter ed allontamento di uno dei genitori a cui si è molto legati), dal cambio di casa, nonché dall’umore del genitore con cui si vive.

Tra i 3 e 6 anni, non capendo cosa significa la separazione, ma accorgendosi che un genitore non vive e non dorme più nella stessa casa, si scatenano nel bambino svariate interpretazioni. Le più comuni vedono il piccolo incolparsi dell’allontanamento del genitore specie se, nei conflitti precedenti alla separazione, il tema di disaccordo tra adulti includeva per qualche motivo il figlio stesso. Come conseguenza, il bambino può manifestare una sospetta docilità atta a fare riavvicinare il genitore allontanato, oppure una oppositività eccessiva come segno di rabbia per la perdita della stabilità familiare. E’ probabile, quando viene allontanato dal tetto familiare il padre, che un figlio maschio nutra il timore di essere anch’egli rifiutato dalla madre soprattutto se viene rimproverato di rassomigliare al papà.

Per figli nella fascia di età tra 6 e 10 anni, i vissuti sono riconducibili alla tristezza, alla rabbia ed alla nostalgia. Avvertono maggiormente un senso di trascuratezza e solitudine; ricercano con forza le attenzioni dei genitori anche comportandosi male, oppure chiudendosi in sé, badando da soli a loro stessi o ai fratelli minori.

Nei ragazzi in preadolescenza o adolescenza, affiora il conflitto tra l’amore per i genitori e la rabbia per la loro condotta. Sono disorientati e confusi anche in merito ai valori morali da adottare nella vita. Problemi scolastici e condotte ribelli appaiono sia a causa della sofferenza provata, sia come atto punitivo nei confronti degli adulti.

In generale, è il clima di conflitto tra i genitori, che siano uniti o separati, a determinare un malessere psichico e disturbi comportamentali della prole. Alcuni studi hanno indagato se l’evento della separazione o divorzio rappresentasse la causa primaria dei vissuti negativi sui figli o se, invece, lo determinasse il solo rapporto conflittuale tra genitori. A tale scopo, è stato costituito un campione di 120 ragazzi tra i 7 e 15 anni, metà dei quali provenienti da famiglie separate e metà da famiglie unite. Attraverso test psicologici ed interviste cliniche, è emerso che il conflitto genitoriale determina disturbi emotivi e caratteriali nella prole. Viene attribuita, quindi, poca importanza ed influenza all’evento della separazione sullo stato psicologico dei ragazzi. Nell’esaminare l’effetto a lungo termine della separazione, sono state svolte ulteriori ricerche su un campione italiano di ragazzi tra i 15 ed i 26 anni diviso omogeneamente in due gruppi a seconda della provenienza da famiglie unite o separate da almeno 9 anni. Non emergono significative differenze tra i due gruppi per ciò che concerne la fiducia nell’altro sesso e la capacità di creare e vivere relazioni affettive stabili. Il dato positivo è che il gruppo dei figli di genitori separati rivela una maggiore indipendenza che esprime a livello economico e comportamentale andando prima a vivere da solo e contribuendo precocemente al proprio mantenimento. I figli di coppie separate, inoltre, costituiscono legami affettivi molto forti all’infuori della propria famiglia e frequentano con maggiore assiduità i loro amici rispetto ai ragazzi provenienti da famiglie unite. Esistono, quindi, conseguenze positive sullo sviluppo psichico dei figli di famiglie divise. Per contro, è emerso che essi esprimono un rapporto scarsamente soddisfacente con il proprio padre, riferiscono maggiori difficoltà a livello scolastico e disagi personali tali da richiedere consultazioni psichiatriche e psicoterapeutiche.

Tutti i figli che vivono rapporti conflittuali tra i genitori soffrono.

Spesso la famiglia non si accorge dei disagi che il loro conflitto provoca. La consulenza psicologica è una scelta opportuna e fortemente consigliata. L’intervento psicologico deve avvenire a livello di coppia per appianare e risolvere il conflitto e, laddove impossibile, nello stabilire quando il disaccordo è insanabile e deleterio per i figli. La consultazione psicoterapeutica è consigliata nell’assistere anche individualmente bambini o ragazzi offrendo loro l’opportunità di uno spazio in cui manifestare e capire il loro malessere e le dinamiche relazionali. Tali percorsi sono, altresì, integrati con sedute di tipo familiare specie per famiglie con figli in età adolescenziale o preadolescenziale.

La dott.ssa Alessia Giulia Santoro, Psicologa e Psicoterapeuta, si occupa di Psicoterapia a Milano per la separazione della coppia collaborando con la dott.ssa Cristina Selvi, PsichiatraPsicoterapeuta e Omotossicologa a Milano presso lo Studio Psichiatria Integrata in piazza Gorini 6.

dott.ssa Alessia Giulia Santoro

dott.ssa Alessia Giulia Santoro

La dott.ssa Alessia Giulia Santoro è una Psicologa Psicoterapeuta che esercita la sua attività presso l'Ospedale San Raffaele di Milano. Collabora presso lo Studio Psichiatria Integrata in piazza Gorini 6, Milano. | Contatta la dott.ssa Alessia Giulia Santoro |
dott.ssa Alessia Giulia Santoro

Latest posts by dott.ssa Alessia Giulia Santoro (see all)

dott.ssa Alessia Giulia Santoro

Gli articoli dello Studio Psichiatria Integrata sono un'opera della dott.ssa Cristina Selvi e sono distribuiti con una licenza Creative Commons. Gli articoli sono da intendersi come puramente informativi e con il seguente disclaimer. Tutti i diritti sono riservati all'autrice. 1) Testi liberamente ripubblicabili se immodificati nella loro interezza, a scopo non commerciale, se viene incluso questo box di copyright e previa richiesta all'autore da questa pagina. 2) Immagini non ripubblicabili. Ulteriori permessi possono essere richiesti all'autrice da qui.