Agorafobia

L’etimologia del termine agorafobia proviene dal greco “αγορά” (piazza) e “φοβία” (paura), quindi rappresenta il timore degli spazi aperti. Il paziente affetto da agorafobia teme di lasciare la propria abitazione e di recarsi in strada, ha  paura di viaggiare in treno o in automobile.  Supermercato, cinema o luoghi affollati sono generalmente evitati o causa di forte ansia. Il timore del paziente è di stare male in pubblico, in situazioni o luoghi in cui non possa essere soccorso o da cui non possa fuggire. Affrontare la fobia genera spesso ansia intensa fino a veri a propri attacchi di panico.

Per questo i pazienti agorafobici mettono in atto numerose condotte di evitamento che influiscono negativamente sulla propria vita personale e lavorativa.

Cura Agorafobia

Articoli correlati

Articoli Recenti
Iscriviti alla Newsletter

Puoi ricevere gli articoli scritti dallo Studio Psichiatria Integrata comodamente nella tua casella e-mail, il giorno stesso in cui vengono pubblicati.

Loading