Dolore e depressione

Secondo evidenze oramai riconosciute e condivise dal mondo scientifico, l’organismo è un sistema complesso e connesso nelle sue diverse parti e allo stesso tempo aperto alle connessioni con il mondo esterno, con il quale scambia messaggi in entrata e in uscita.
Da questo punto di osservazione è interessante notare come i disturbi psichiatrici siano molte volte segnalati non soltanto dalla comparsa di sintomi mentali ma anche da una serie di disturbi e sintomi che riguardano il nostro corpo.

Stato infiammatorio e depressione: la low grade inflammation

E’ facile comprendere come questo sia possibile riconoscendo al nostro encefalo, e al sistema nervoso nel suo insieme, il ruolo di “centralina” che coordina e permette un fluido funzionamento di tutti i nostri organi e apparati.
Inoltre, oggi iniziano a farsi più evidenti le prove di un interessamento non soltanto centrale, cioè a livello dell’organo cervello nella depressione, la quale viene via via studiata e riconosciuta anche come malattia sistemica a cui sottostanno processi “infiammatori”.
In particolare le cosiddette Low Grade Inflammation, cioè condizioni che perdurando nel tempo possono dare il via a processi patologici veri e propri, con il loro corredo di sintomi e di segni clinici.
Da queste iniziali evidenze, sulle quali il mondo scientifico sta da anni studiando, deriva ad esempio l’utilizzo di integratori come gli Omega 3 o di interleuchine e citochine in low dose, in alcune patologie come la Depressione o la Demenza senile, ovviamente in associazione e ad integrazione delle terapie specifiche per questa patologie.

I sintomi fisici di ansia e depressione

La depressione e i disturbi d’ansia si presentano, quasi invariabilmente, con un insieme di sintomi sia psicologici che fisici.

Esistono però, forme depressive che vengono definite mascherate nelle quali, addirittura, i sintomi affettivi specifici della depressione, come la tristezza, il pianto l’angoscia o l’ansia, non fanno parte del quadro clinico, il quale si manifesta esclusivamente con dolori diffusi o a volte localizzati, più tipicamente agli arti inferiori ma non solo, con stanchezza marcata, disturbi vaghi come vertigini, cefalea, dolori muscolari o oste-articolari.
La stanchezza rappresenta il sintomo più frequentemente riferito: astenia soprattutto mattutina, è presente in circa l’80% dei pazienti depressi.

A volte nelle donne in menopausa è possibile la comparsa di dolore diffuso o localizzato ai genitali e al perineo.
Non sono rari anche i disturbi a carico dell’apparato digerente e urinario come la pollacchiuria, cioè un bisogno continuo ed impellente di urinare.

In questi casi è sempre complesso porre una corretta diagnosi differenziale e riconoscere il quadro presentato dal paziente come depressione, ma, una volta esclusa la presenza di cause fisiche, la somministrazione di un farmaco antidepressivo induce la scomparsa di ogni sintomo che prima disturbava la vita del paziente.

La frequenza del sintomo dolore nella depressione è dovuta al fatto che il neurotrasmettitore Serotonina, che regola il tono dell’umore, è anche implicato nella percezione dolorifica, una sua carenza ne diminuisce la soglia e aumenta la nostra sensibilità al dolore.

Stanchezza cronica e dolore cronico nella depressione

Stanchezza cronica e dolore cronico sono due sintomi che non devono mai essere sottovalutati, richiedono un serio approfondimento medico su più livelli per escludere che siano correlati ad una patologia fisica.
Se nulla emerge in questo senso, deve essere presa in considerazione l’origine psicogena.
Anche in questo caso le ipotesi diagnostiche sono diverse e deve essere compito dello specialista psichiatra approfondire per consigliare il paziente verso la terapia più adatta.

 

dolore e depressione Milano Psichiatra somatizzazioni
Scarica l’infografica “Dolore e depressione”

  • esistono forme di Depressione che non presentano sintomi psichici
  • sono chiamate Depressioni mascherate
  • stanchezza, dolori muscolari, dolori osteoarticolari, dolore gli arti inferiori, cefalea, vertigini, dolore ai genitali esterni o al perineo, disturbi gastrointestinali.
  • vanno escluse tutte le cause organiche che potrebbero essere la causa di questi sintomi
  • la somministrazione di un farmaco antidepressivo risolvere la sintomatologia fisica
  • la serotonina, neurotrasmettitore implicato nella depressione, è anche determinante nella regolazione della percezione dolorifica
  • stanchezza cronica e dolore cronico sono sintomi che non vanno trascurati e richiedono un corretto inquadramento diagnostico

La dott.ssa Cristina SelviPsichiatra a MilanoPsicoterapeuta e Omotossicologa, si occupa di dolore e somatizzazioni nei disturbi di ansia e depressione. Ha fondato lo Studio Psichiatria Integrata al fine di promuovere un approccio integrato  fra varie discipline e metodi, che fornisca alla persona una risposta il più adeguata, più personalizzata e più corretta possibile in un momento di difficoltà della propria vita.

dott.ssa Cristina Selvi

dott.ssa Cristina Selvi

dott.ssa Cristina Selvi

Gli articoli dello Studio Psichiatria Integrata sono un'opera della dott.ssa Cristina Selvi e sono distribuiti con una licenza Creative Commons. Gli articoli sono da intendersi come puramente informativi e con il seguente disclaimer. Tutti i diritti sono riservati all'autrice. 1) Testi liberamente ripubblicabili se immodificati nella loro interezza, a scopo non commerciale, se viene incluso questo box di copyright e previa richiesta all'autore da questa pagina. 2) Immagini non ripubblicabili. Ulteriori permessi possono essere richiesti all'autrice da qui.