Gli attacchi di panico notturni

Alcuni pazienti affetti da attacchi di panico sperimentano gli episodi soltanto nelle ore notturne.

Gli attacchi di panico notturni sono molto invalidanti e se non trattati portano inevitabilmente a disturbi del sonno e allo sviluppo di disturbi d’ansia. Sono meno frequenti rispetto agli attacchi che avvengono durante lo stato di veglia ma si tratta comunque di un disturbo piuttosto comune.

Le crisi di panico determinano un risveglio improvviso, il paziente sperimenta un forte spavento ed è invaso da un senso di terrore e angoscia. Durante questi episodi la sensazione del paziente è amplificata dal particolare stato di coscienza,  causando ancora più ansia e sgomento.

 

Attacco di panico notturni psichiatra Milano

 

Scarica l’infografica in pdf

I sintomi degli attacchi di panico notturni

I sintomi con cui si manifestano gli attacchi di panico notturni sono sostanzialmente gli stessi delle crisi di panico diurne: tachicardia, sudorazione  seguita da sensazione di intenso freddo, mancanza d’aria e senso di soffocamento, stato d’animo di allarme con intensa ansia, paura di morire o di avere un infarto.

Avvenendo in un momento della nostra vita in cui siamo in uno stato di coscienza  caratterizzato dall’assenza di controllo, gli attacchi di panico notturno generano più spavento, preoccupazione e confusione rispetto a quelli diurni. Sono caratteristici nella fase non-REM del sonno, quindi quando l’attività onirica è disattivata,  contrariamente a quanto si immagina, infatti, non sono la conseguenza di sogni terrificanti o di incubi.

Alcune condizioni, sia fisiche che psichiche, possono facilitare la comparsa di attacchi notturni.  Sono, ad esempio, più frequenti in chi soffre di ipertiroidismo.

Anche il reflusso gastroesofageo e le apnee notturne possono causare attacchi di panico durante la notte. Ovviamente chi vive un momento di forte stress e pressione psicologica, magari per motivi di lavoro o personali o chi ha recentemente vissuto un lutto  o un evento traumatico è più esposto alla probabilità di sviluppare attacchi di panico.

Cosa fare durante un attacco di panico notturno

Dopo un AP notturno è consigliato lasciare passare un certo periodo prima di rimettersi a dormire. Anche le reazioni biologiche durante la crisi d’ansia con la scarica di ormoni e neurotrasmettitori richiedono un po’ di tempo per ritornare ai livelli di base fisiologici. Un po’ come quando si prova una violenta emozione ed è esperienza comune la graduale remissione dell’attivazione emotiva nel giro di alcuni minuti.

E’ naturale che chi abbia sperimentato un attacco di panico notturno sia preoccupato e abbia il timore di vivere nuovamente questa esperienza nelle notti successive.

Il suggerimento è di affrontare il sonno senza pregiudizi, senza aspettative, né in un senso né nell’altro. Non la convinzione che accadrà sicuramente di nuovo ma anche considerando che ciò potrebbe essere possibile. Sicuramente l’esperienza, per quanto sgradevole, sarà meno spaventosa in quanto già nota e conosciuta.

Certamente è importante porre attenzione a tutte le regole dell’igiene del sonno, troppo spesso trascurate.

Se dovessero ripetersi altre crisi notturne, il consiglio è di rivolgersi al medico che valuterà sia le possibili cause fisiche che quelle psicologiche e consiglierà gli approfondimenti, le terapie e gli approcci più opportuni

Ad ogni modo ricordate che gli attacchi di panico, per quanto esperienze profondamente preoccupanti,  sono del tutto innocui per la salute fisica e soprattutto sono curabili con facilità dallo specialista.

Se non affrontati nel modo corretto, invece, possono dare origine ad uno stato di ansia anticipatoria rispetto al momento del sonno e questa ansia può indurre alcuni soggetti all’abuso di tranquillanti o di alcool. Frequentemente il tentativo di gestire gli attacchi porta a comportamenti di evitamento che non risolvono il problema, ma anzi creano un circolo vizioso inefficace.

La dott.ssa Cristina SelviPsichiatra a MilanoPsicoterapeuta e Omotossicologa, si occupa di Attacchi di panico a Milano. Ha fondato lo Studio Psichiatria Integrata al fine di promuovere un approccio integrato  fra varie discipline e metodi, che fornisca alla persona una risposta il più adeguata, più personalizzata e più corretta possibile in un momento di difficoltà della propria vita.

dott.ssa Cristina Selvi
La dott.ssa Cristina Selvi, Medico ChirurgoPsichiatra e Psicoterapeuta,  si occupa di Psichiatria, Psicoterapia e Medicina Omotossicologica a Milano, presso il suo Studio Psichiatria Integrata, in Piazzale Gorini 6. E' autrice di un Blog di Informazione Medica e di un Ebook sugli argomenti Psichiatria, Psicoterapia e Medicina Omotossicologica e promotrice di un modello d’intervento integrato fra queste discipline che valorizzi una conoscenza globale della persona. | Google | Contatti |
dott.ssa Cristina Selvi
dott.ssa Cristina Selvi
dott.ssa Cristina Selvi

Latest posts by dott.ssa Cristina Selvi (see all)

dott.ssa Cristina Selvi

Gli articoli dello Studio Psichiatria Integrata sono un'opera della dott.ssa Cristina Selvi e sono distribuiti con una licenza Creative Commons. Gli articoli sono da intendersi come puramente informativi e con il seguente disclaimer. Tutti i diritti sono riservati all'autrice. 1) Testi liberamente ripubblicabili se immodificati nella loro interezza, a scopo non commerciale, se viene incluso questo box di copyright e previa richiesta all'autore da questa pagina. 2) Immagini non ripubblicabili. Ulteriori permessi possono essere richiesti all'autrice da qui.